CASA ZULE CUBA
CASA ZULE CUBA

 

CASA ZULE E' PER TUTTI COLORO CHE SONO INNAMORATI DI QUESTA FANTASTICA ISOLA E DEI SUOI ABITANTI!!!

 

NON VUOLE ESSERE IL SOLITO PORTALE DI "CASE DE RENTA" MA UNA VERA E PROPRIA GUIDA PER POTER SCOPRIRE TUTTI I SEGRETI DELL'HAVANA CON LA GARANZIA DI CHI LA CONOSCE E LA VIVE DA DIVERSI ANNI.

 

OLTRE AD OFFRIRVI UN LUOGO ACCOGLIENTE E SICURO DOVE POTER SOGGIORNARE, QUI POTETE TROVARE TUTTE LE INDICAZIONI E SUGGERIMENTI RIGUARDO DOVE ALLOGGIARE, COSA VISITARE, COME MUOVERSI, DIVERTIRSI E DOVE MANGIARE!!!

 

INSOMMA TUTTO QUELLO CHE SERVE PER VIVERE AL MEGLIO LA NOSTRA AMATA ISOLA!!!

 

 

Consigliato Da Noi

 

FIORELLA MANNOIA

 

 

Che cosa evoca oggi la parola rivoluzione? Che cos’è oggi rivoluzionario? Viviamo in una sorta di mondo alla rovescia, dove l’illecito è diventato normale, dove i politici fanno spettacolo e gli attori, i cantanti, i comici, si occupano della politica. Dove viene scambiato il diritto per il favore. Dove la cultura è giudicata superflua e dispendiosa, praticamente inutile. Dove chi dovrebbe dare il buon esempio si vanta delle sue malefatte e giudica stupido chi si ostina a credere nella legalità, e lo discredita, lo calunnia, lo annienta. E la parola rivoluzione assume un significato più profondo, che riguarda anche il comportamento di ognuno di noi. Provo a fare un elenco di quello che per me oggi è rivoluzionario: 
 
Rivoluzionario è il coraggio, rivoluzionaria è la sobrietà, l’educazione, la cultura, l’arte, rivoluzionario è il diritto alla scuola, al lavoro, alla salute, rivoluzionario è l’accesso alla conoscenza, rivoluzionario è il rifiuto della volgarità, anche quella dilagante dell’ostentazione del lusso, rivoluzionario è il rifiuto della violenza, anche quella verbale, rivoluzionario è dire a chi cerca di corromperti: “No, grazie”.
Rivoluzionario è insegnare ai propri figli il rispetto di tutte le diversità, l’accoglienza, la compassione, la fratellanza, la capacità e la volontà di provare a condividere il dolore degli altri, rivoluzionario è combattere il pregiudizio, rivoluzionaria è la ricerca della bellezza, rivoluzionario è spegnere la televisione e dedicarsi ai propri cari, coltivare delle passioni, continuare a giocare, rivoluzionario è il sorriso, la gentilezza, l’umiltà, il saper ridere anche di noi stessi e delle nostre miserie, rivoluzionaria è la semplicità, il godere di un buon cibo, di un buon vino, rivoluzionario è divertirsi ballando fino alle quattro del mattino senza bisogno di additivi chimici, rivoluzionario è guardarsi allo specchio senza vergognarsi di ciò che vediamo riflesso, rivoluzionario è non sentirsi al centro dell’universo e guardare altro oltre noi stessi, rivoluzionario è fare bene il proprio lavoro qualsiasi esso sia, rivoluzionaria è l’onestà, anche e soprattutto quella intellettuale, rivoluzionaria è l’etica, rivoluzionario è il coraggio delle proprie idee, rivoluzionario è chiedersi sempre che cosa si nasconda dietro le notizie dell’informazione ufficiale, non smettere mai di cercare, ragionare con la propria testa e porsi sempre delle domande, rivoluzionario è l’approfondimento contro la superficialità, rivoluzionario è il giornalismo della “seconda domanda”, rivoluzionario è non piegare la testa di fronte ai potenti, chiunque essi siano. Rivoluzionario è schierarsi sempre dalla parte degli ultimi, chiunque essi siano.
Rivoluzionaria è la curiosità, la libertà di pensiero, rivoluzionaria è la coerenza, la gratitudine, la capacità di chiedere scusa, rivoluzionaria è la dignità, il rispetto, il perdono, rivoluzionaria è l’indignazione per l’ingiustizia ovunque si verifichi e avere il coraggio di gridarla, rivoluzionario è combattere l’avidità che è il più pericoloso dei mali, rivoluzionario è dare un senso alla propria vita rivendicando il diritto alla felicità ma avendo la consapevolezza che questo non passa solo attraverso il denaro.
Rivoluzionario è fare ognuno il proprio dovere di cittadino ricercando sempre la verità, che è la più grande delle rivoluzioni.

Sono convinta anche io che Chavez sia stato un populista, folcloristico, retorico. Ma non dobbiamo MAI dimenticare che stiamo parlando del Latino America, non dobbiamo MAI dimenticare che non hanno la nostra stessa storia, perché io insisto perché si legga il libro di Eduardo Galeano "Le Vene Aperte dell'America Latina"? Non é che io sia una fissata, ma perché quella é la "Bibbia" dalla quale partire se si vuole capire anche e soprattutto i personaggi che l'hanno popolata. Noi abbiamo il brutto vizio di riportare tutto a noi Europei e occidentali, abbiamo la grande presunzione di ragionare da "Primo Mondo" e ci convinciamo che sia l'unico pensiero possibile, abbiamo nel nostro DNA la mentalitá di colonizzatori detentori del sapere. Quei popoli hanno una sofferenza antica, fatta di sangue e sfruttamento, di miseria, di annientamento della dignitá, sono popoli che hanno sofferto la sopraffazione, lo sterminio, il furto delle terre e della cultura.
Sono stati colonizzati, resi schiavi, deportati, milioni di esseri umani esclusi dalla vita, senza diritti, senza voce, analfabeti senza futuro. L'Europa prima e gli Stati Uniti in seguito, hanno sempre appoggiato i piú sanguinari dittatori dell'Uruguay, il Paraguay, L'Argentina, il Brasile, Haiti (forse la piú sfortunata) il Guatemala, la Colombia, il Messico, il Venezuela, il Chile, il Perú....ecc...ogni tentativo di ribellione é finito nel sangue, tanto sangue, troppo sangue. Zapata, Simon Bolivar ecc ecc... sono stati assassinati in modi talmente brutali da far inorridire le menti piú perverse. Le terre dell'America Latina sono intrise del sangue degli indios, degli Africani deportati, dei contadini, e ogni tentativo di ribellione é stato soffocato col terrore. Fatta eccezione di Cuba, nessuno era mai riuscito a cacciare queste sanguisughe, ed é per questo che la odiano tanto. É normale che un presidente con la faccia di un nativo indio, prende il potere e promette e agisce a difesa di quelle masse di diseredati, li aiuta a sentirsi degli esseri umani e non piú delle bestie da soma, gli ridá un pó di quella dignitá che per secoli gli era stata negata e riesce così a farsi volere bene.

A noi sembra grottesco, populista ed esagerato e sicuramente il suo agire avrá anche dei lati oscuri , ma stiamo attenti a metterci su un podio e giudicare come se potessimo insegnare qualcosa, perché per parlare, dobbiamo almeno avere la voglia di capire la storia di un mondo tanto distante da noi. Se l'America Latina oggi sta cercando di rendersi indipendente da chi l'ha sempre sfruttata, derubata, depredata, senza lasciare niente altro che ingiustizia sociale, lo deve anche a quella faccia di indio populista, che ha cacciato il Fondo Monetario Internazionale , che é la piú grande associazione a delinquere del pianeta , e ha nazionalizzato il suo petrolio, dicendo basta allo sfruttamento Nord Americano. Non a caso tutti i presidenti sono andati a rendergli omaggio commossi. Ecco perché, come Castro, é vittima della piú grande demolizione mediatica occidentale. Poi possiamo criticare, discutere, non approvare, ma non si puó ragionare senza sapere. Almeno questo é il mio umile pensiero. Grazie a tutti quelli che sono intervenuti nella discussione con garbo ed educazione, anche se di diverse opinioni.
Agli altri dico...non leggete, non serve.
Fiorella Mannoia

Informazioni

Casa Zule immersa nel quartiere del Vedado, proprio nel cuore dell’Havana, offre un appartamento indipendente con garage e possibilità di colazione pranzo, cena, servizio lavanderia, aria condizionata, telefono, guida turistica e molto altro...

PRENOTAZIONI ONLINE!!!

Per una VACANZA COMPLETA appoggiati al nostro Tour Operator di riferimento

Il nostro Blog di riferimento:
 "CUBA; UN' ISOLA NEL SOLE"

GLI AMICI DI CASA ZULE

Per un soggirno specile a Las Tunas clicca sul pulsante in basso.

Il nostro Rum di riferimento:
"RON SANTIAGO DE CUBA"

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Marzio Fruner Località Gazzi 42 38062 Arco